giovedì 24 dicembre 2015

Buon Natale di vero cuore


E' Natale...


Auguro a tutti felici e serene Feste

domenica 20 dicembre 2015

Semplicemente Country

Country perchè?
Diciamo che non è una nuova scoperta, ma una riscoperta..  con il tempo si cresce, si matura e si delineano maggiormente le attitudini e le preferenze.

Quest'anno è stato un po' particolare.. particolare in tutto, anche nelle scelte, cose che prima piacevano ora magari non piacciono più e cose nuove invece sono arrivate. 



Country... perchè lo è sempre stato, ma vivendo in città c'è poco da vivere country.. ma poi arrivano le idee, si imparano tecniche nuove e tutto diventà non dico possibile ma almeno realizzabile.

E poi arriva il ballo country... la scuola le nuove conoscenze... e tutto sembra sempre più possibile :-)  qualche giorno fa persino il mio primo mercatino di natale ... io che non ho mai fatto un mercatino...  :-)


E cosi tante idee e nuove realizzazioni proprio per l'occasione ...







Ecco alcune idee realizzate in questo "scarso" 2015 ...


 




Ovviamente tutto in vendita e replicabile su richiesta, visibile sulla mia bacheca pinterest, e su Etsy! 
Vi aspetto.


sabato 21 novembre 2015

ETSY ETSY ETSY

Ebbene si!!!


VENITE A TROVARMI!!! 

sabato 14 novembre 2015

Vivere l'avvento: brevi cenni e piccole idee

Che cos'è l'avvento? 

 Due mila anni fa, a Betlemme, un piccolo villaggio d’Israele, accompagnato dall’amore dei suoi genitori, Maria e Giuseppe, entrava nella nostra storia Gesù, il Figlio di Dio. Lo stesso Dio è venuto a vivere la nostra vita. Già da molti secoli, nel popolo d’Israele, animato dalla parola dei profeti, si viveva l’attesa della venuta di qualcuno capace di dare al cammino dell’umanità un indirizzo nuovo, qualcuno nel quale Dio si manifestasse e attraverso il quale si sarebbero aperte le porte di una vita nuova, diversa, guidata dall’amore di Dio e non dal dolore e dal male che così profondamente segnano la condizione umana. Uno che era conosciuto con il nome di Messia. E lì, a Betlemme, nasceva quel bambino, Gesù. Non sembrava avere delle caratteristiche divine: nasceva povero, da una famiglia sconosciuta, lontano dalla sua casa perché così esigevano in quel momento le leggi dell’imperatore romano… Noi cristiani, però, guidati dalla testimonianza di quanti seguirono quel bambino quando, ormai adulto, percorreva le strade di Palestina annunciando la Buona Novella, crediamo che, veramente, è lui l’inviato di Dio che apre a tutti il cammino della salvezza, il Figlio di Dio che ci colma di vita. Durante il tempo d’Avvento prepariamo la celebrazione della venuta in mezzo a noi di Gesù, il Messia di Dio. Non come se non lo conoscessimo, come se fingessimo che ancora non è nato: sappiamo che è nato duemila anni fa, che ha vissuto la nostra stessa vita, che ha amato fino alla morte di croce, che è risorto. Preparare la festa della sua nascita diventa un’occasione per rivivere, con grande intensità, un atteggiamento di fede e di attesa della salvezza che lui viene a portarci. Ed è un’occasione per preparare la nostra vita così che lui possa continuare a venire in noi, a rinnovare il nostro cuore e a trasformarci in uomini nuovi, disposti a fare il bene come lui L’Avvento è molto più che preparare una venuta verificatasi secoli fa; è preparare anche una venuta continua, di tutti i giorni. Perché Gesù viene ancora adesso, oggi in ogni momento. Viene attraverso l’Eucaristia, i sacramenti, la comunità cristiana. Viene nel cuore di ogni credente attraverso la preghiera, la lettura della sua Parola, tutte le occasioni nelle quali vogliamo accostarci a lui. E viene attraverso i nostri cari, i conoscenti, gli emarginati, i malati, ecc., gli avvenimenti della nostra vita, tutto quello che facciamo e viviamo, soprattutto attraverso i poveri, nei quali riflette il suo volto con particolare intensità.
Nel tempo d’Avvento celebriamo anche un’altra venuta di Gesù, quella definitiva, alla fine di tutto, quando porterà l’umanità nella pienezza della vita nel suo Regno. Noi, in questo mondo, stiamo camminando verso questa venuta definitiva e ci prepariamo per essere pronti per questo momento. E Gesù ci annuncia che il nostro viaggio umano, a volte così pieno di oscurità e sofferenza, è chiamato, come dice il testo dell’Apocalisse, a trasformarsi in cielo nuovo e in terra nuova, dove Dio lo godremo per sempre, sarà il Dio-con-noi; e non ci saranno più né lacrime né sofferenze né dolore, e l’amore di Dio sarà tutto in tutti. Noi, in questo mondo, mentre siamo in attesa di questa venuta definitiva, dobbiamo vivere un atteggiamento di vigilanza, apprendendo, giorno dopo giorno, ad amare Dio e gli altri come Gesù, per poter giungere, un giorno, a vivere per sempre con lui.


Come nasce il calendario dell'avvento? 
Il calendario nasce per contare il tempo e i giorni che mancano a natale. E' utile sopratutto per i bambini, (motivo per cui naque tanti anni fa) i quali non hanno molto il senso del tempo, con questo calendario possono sapere esattamente quanto tempo manca all'arrivo di Babbo Natale.
 Una delle gioie più grandi per un bambino che aspetta il Natale sarà proprio quella di aprire una casellina o una bustina o qualle che preparerete come calendario dell'avvento, e trovare una sorpresa un messaggio, un dolcetto... avvicinarsi al 25 Dicembre può quindi diventare un momento straordinario. 

Quella del calendario dell'avvento può essere uno dei tanti lavoretti da proporre ai più piccoli, che insiema a voi possono realizzarne uno, con cartone, con del feltro, con dei calzini natalizi e delle mollette insomma c'è n'è per tutti i gusti. 
Ecco alcune immagini prese dal web per voi.


 
LA CORONA D'AVVENTO 

La "Corona di Avvento" ha una funzione specificamente religiosa. Ogni parrocchia ne ha una e la dispone in genere sotto l'altare.  
La corona è composta da quattro candele che vengono accese man mano in ogni domenica d'avvento segnando il tempo, le quattro settimane, che separano dal Natale e della nascita di Gesù Bambino. In alcuni paesi Europei la "Corona di Avvento" non si trova solo nelle chiese ma anche nelle case, dove ogni famiglia si raduna per pregare insieme e per prepararsi alla nascita del Salvatore.

La "Corona di Avvento" ha come base delle candele un tema legato alla natura: foglie di alberi (abete o pino) in genere; questo simboleggia la vita, perché Cristo che sta per venire al mondo sconfiggerà le tenebre, il male e la morte. La corona poi ha una forma circolare perché fin dai tempi più antichi il cerchio rappresenta il segno dell'eternità e al tempo stesso dell'unità; la sua forma circolare ricorda il ciclo delle stagioni, la fedeltà di Dio verso l'uomo. La "Corona di Avvento", inoltre, è segno di regalità e di vittoria (basta ricordare che nella Roma Antica i vincitori delle guerre e dei giochi venivano insigniti di corone d'alloro). Gesù è Re e non un bambino qualsiasi. Per la corona vengono utilizzati in genere i rami di pino o di abeti verdi: simbolo di vita eterna e segno di speranza. I rami ricordano anche l'entrata a Gerusalemme di Gesù, che venne accolto con foglie verdi e salutato come Re e Messia. Di solito la "Corona di Avvento" viene ornata con nastri rossi o viola: il rosso simboleggia l'amore di Gesù, mentre il viola è segno di penitenza e conversione in attesa della venuta del Messia.





LE QUATTRO CANDELE

Nella prima domenica di Avvento si accende la "Candela del profeta" o "Candela della Speranza"; nella seconda domenica di Avvento la "Candela di Betlemme" o "Candela della chiamata universale alla salvezza"; 
nella terza domenica di Avvento si accende la "Candela dei Pastori" o "Candela della gioia";  infine la quarta e ultima domenica di Avvento si accende la "Candela degli angeli". 

Le candele si accendono una a settimana: o il sabato sera o la domenica mattina e di solito la tradizione vuole che nell'ambiente domestico sia il più piccolo ad accendere le candele.
 
La "CANDELA DEL PROFETA". La prima candela della "Corona di Avvento" si chiama "Candela del Profeta" e ricorda i profeti che predissero la venuta di Cristo.
La "CANDELA DI BETLEMME". La seconda candela della "Corona di Avvento" si chiama "Candela di Betlemme" e viene accesa per ricordare il luogo dove nacque il Salvatore.
La "CANDELA DEI PASTORI". La terza candela della "Corona di Avvento" si chiama "Candela dei Pastori" e ricorda i pastori, che furono i primi a vedere Gesù e a diffondere la "lieta novella" della sua nascita.
La "CANDELA DEGLI ANGELI". La quarta candela della "Corona di Avvento" si chiama "Candela degli Angeli" per ricordare gli angeli che richiamarono i pastori alla grotta di Betlemme annunciando la nascita del Bambino Gesù.

Realizzarne una non è difficile, e tutti i materiali vanno bene, ormai è possibile vederne fatte in polistirolo, in feltro, o altri materiali.

giovedì 15 ottobre 2015

Happy Birthday BLOG!!! E siamo a 5!




In questo momento come saprete sono a Vicenza per la fiera Abilmente.. ma ecco arrivare il 5 compleanno del blog! 
5 anni fa cominciò questa avventura, che tra alti e bassi mi ha portato a conoscere tantissime persone e tantissime tecniche.
Grazie al blog ho scambiato informazioni con mezzo mondo anche se la parte di mondo che preferisco rimane quella norvegese seguita a ruota dall'America. 
Blogspot ha fatto i capricci quando c'è stato il passaggio obbligato a Google+ cancellando praticamente tutte le foto dai post (ma tenendosele ben strette nell'archivio) così che molti post ancora oggi risultano illeggibili proprio perché senza foto sopratutto i tutorial. 
Comunque come ho già scritto da altre parti sto lavorando a un sito indipendente staccato da ogni piattaforma, così da non avere più di questi problemi. Non so quando sarà pronto ma per chi non riuscisse a vedere le foto dei post che interessano rimando alla copia esatta del blog, su wordpress, tanto per non rimanere senza informazioni. 

Se vi va lasciate un messaggio leggerò come sempre con molto piacere. 

 

mercoledì 14 ottobre 2015

ABILMENTE VICENZA



E si va... anche quest'anno ABILMENTE VICENZA... per chi c'è sarebbe bello incontrarsi. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...